Vorrei e posso @ Orterie – Villa di Tirano (SO)


Questo slideshow richiede JavaScript.

Nell’immaginario collettivo onnivoro il vegetariano, e ancora di più il cugino vegano, non gode generalmente di buona reputazione. È un facile esercizio risalire alla motivazione: l’atteggiamento spocchioso di una certa minoranza, ormai assunto a cliché, che sbandiera con disprezzo la presunta eticità delle proprie scelte alimentari. L’irritazione derivante fa purtroppo scivolare in secondo piano le reali problematiche provocate dall’eccessivo consumo di carne, quali -ad esempio- il disastroso impatto ambientale degli allevamenti intensivi, l’abuso di antibiotici e i costi di produzione.

Distaccandosi dai massimi sistemi è comunque indubbio che la dieta veg stia riscuotendo crescente successo, come dimostra l’apertura diffusa di ristoranti a tema, con esiti sovente deludenti. La cucina vegetale incarna in sé una forte contraddizione in quanto, mentre proclama di volersi staccare dal modello carnivoro, continua ad imitarlo, confermandolo intrinsecamente vincente. E ne sono la riprova i continui riferimenti ai prodotti “proibiti” (cotolette di soia, salumi di soia, hamburger di lenticchie, latte di riso, ecc.): una vera e propria sindrome del “vorrei ma non posso”, che si rispecchia poi per confronto nella mediocrità delle preparazioni. Continua a leggere “Vorrei e posso @ Orterie – Villa di Tirano (SO)”

Baricentri @ Altavilla – Bianzone (SO)


E’ curioso notare come le punte di eccellenza della provincia di Sondrio si trovino agli estremi limiti geografici della stessa, e sempre nei pressi del confine con la Confederazione Elvetica, come se l’essere nel bel mezzo della valle rappresentasse in qualche modo un ostacolo a proporre cucina di qualità.

Stiamo parlando in questo caso del Cantinone di Madesimo, Lanterna Verde di Villa di Chiavenna e Chalet Mattias di Livigno, tutti più o meno abbondantemente trattati sulle pagine telematiche di questo blog. Il guidarolo incallito potrebbe sbandierare come eccezione il neo-sgommato Gimmy’s al passo dell’Aprica, la cui cucina, quantomeno ai tempi della mia visita, era ancora (secondo me, né ;-)) immatura per quanto assai promettente.

Sta di fatto che percorrendo la valle da Chiavenna a Livigno sono pochi i locali capaci di provocare un certo sollucchero alle papille gustative. Tuttavia nei pressi di Tirano, la città di confine fra la parte "bassa" e quella "alta" della Valtellina, staziona sulla retica mezzacosta una delle mie soste predilette per la cucina tipica della zona: la locanda-trattoria Altavilla.

Continua a leggere “Baricentri @ Altavilla – Bianzone (SO)”