L’equilibrio ritrovato @ Da Gin – Castelbianco (SV)


In una notte buia e tempestosa la strada per la Val Pennavaire è come un sentiero in mezzo al nulla, uno di quei casi dove la meta è realmente più importante del viaggio, segnato da tenebre a destra e sinistra e da un ticchettare insistente sul parabrezza.

Le luci dell’albergo/ristorante Da Gin quasi rischiano di passare inosservate nel diluvio, ma, una volta avvistate, mi fanno pensare all’"ultima casa accogliente" di tolkieniana memoria.

Sarà forse l’eleganza sobria e i colori tenui, ma in effetti la sala accogliente lo è davvero, quasi pensata per mettere l’ospite a suo agio, con anche la complicità del menù, la cui colonna destra mostra prezzi che, definendoli con l’aggettivo "onesto", mi sembrerebbe quasi di sminuire.

La cucina è tipica di entroterra, con nessuna concessione al pur vicino mare, con ampio spazio a verdure, funghi e animali da cortile vari, suddivisa in tre degustazioni di lunghezza crescente ed una decina abbondante di portate alla carta.

E i piatti parlano di un equilibrio ritrovato, non solo nei sapori, ma anche fra innovazione e tradizione: una cucina che non è rimasta immobile, ma che anzi interpreta il patrimonio gastronomico locale con il giusto pizzico di creatività.

Si rimane così colpiti dal bilanciamento dei sapori della salsa verde e nelle trofie con fave e menta, così come dalla loro precisione e concentrazione nella sorprendente faraona farcita. Qualità che si mantiene fino alla fine, con una menzione speciale per il godurioso semifreddo alle mandorle e cachi.

Servizio sorridente, una carta dei vini ricca anche di sconosciute chicche locali e materie prime in parte prodotte in proprio quadrano il cerchio su uno dei migliori ristoranti dell’entroterra ligure. Una tavola di amore e resistenza, che davvero vale il viaggio in mezzo alla tempesta.

Le portate

Vellutata di castagne e porcini
[]
Commistione perfetta fra i due elementi
Gallina lessa su pomodori confit e salsa verde
[]
Di grande semplicità, ma di sorprendente risultato.
Patata ripiena ai funghi con pesto di pinoli e maggiorana
[]
Ben fatta. Un filo troppo alta la temperatura di servizio.
Tavolozza fantasia dello chef
[]
Di tutto un po’. Oltre alla sopraccitata gallina troviamo: involtino di peperoni con crema di quartirolo e salsa cipollina, sformato di zucchine trombette su fonduta di zucchine, sfoglia di bietole e olive su fonduta di stracchino.
Trofie al marò di fave e menta
[]
Altro piatto di magistrale equilibrio.
Burridda di baccalà
[]
Un classico ligure dai sapori netti e definiti.
Faraona farcita
[]
Sorprende l’accostamento del saporitissimo pomodoro con la prugna.
Flan di cioccolato con salsa al demerara
[]
Già visto. Plausibile ma poche sorprese.
Semifreddo ai cachi e mandorle, salsa ai cachi e arancia caramellata
[]
Un dolce impeccabile.

Altre foto

Prezzi (Ottobre 2012)

Coperto: 0€
Antipasti: 8€
Primi: 11€
Secondi: 13€
Dessert: 14-16€
Degustazioni: 28-30-35€

Indice di gradimento

Da Gin

Via Pennavaire, 99
17030 Castelbianco (SV)

Tel. 0182 77.001

www.dagin.it

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...