Discretamente @ Anema e Cozze – Milano


"Anema e cozze" ha una mission nascosta dietro al fallace umorismo della famosa espressione napoletana storpiata: la diffusione della cultura gastronomica partenopea in Italia… quantomeno nell’accezione più divulgativa di pizza e PESH.

Lo scopo è ambizioso ma i mezzi certo non mancano visto che questa catena di pizzerie si può considerare uno spin-off del più famoso marchio "Rossopomodoro", che può vantare fra i soci di capitale alcuni calciatori del massimo campionato, notoriamente carenti di cultura gastronomica ma di certo non di risorse finanziarie.

Quattro sono i locali milanesi, a gestione più autonoma che in franchise, fra cui questo di Corso Sempione: una quarantina di coperti disposti in una sala ad L arredata con profusione di maioliche e reti da pesca, con tanto di finto banco del pesce con riproduzioni ceramicate, di stile più nipponico che mediterraneo.




Le premesse finora snocciolate possono mostrarsi non troppo allettanti, ma i risultati, almeno per quanto riguarda il settore forno, si mantengono sull’appagante andante. Circa una ventina le pizze in carta, a prezzi variabili fra i 7 e 12 euro, tutte in classico stile Napoli con cornicione alto e soffice e centro sottile.

Preparazioni prevalentemente classiche, rivisitate solo nel nome, si accostano ad altre più particolari per l’utilizzo di materie prime insolite, quali il blu di bufala.

Discreta la lievitazione, discreta la lavorazione e discrete le materie prime, per un risultato… discreto, che non brilla certo per croccantezza ma nemmeno pecca di eccesso di gommosità… il tutto si mantiene insomma abbastanza sopra la media del format.

Qualche preparazione ittica ad integrare l’offerta assieme a qualche dolce non convenzionale, dove segnalare il particolare gelato di yogurt di bufala con frutti di bosco (abbastanza fuori stagione).

Senza aspettarsi vette di eccellenza assoluta, e considerando la facilità di reperimento di un tavolo anche senza prenotazione, il locale di corso Sempione si rivela una scelta più che valida per una pizza improvvisata, senza dover rinunciare a quel minimo di qualità.

Altre foto

Indice di gradimento

Anema e Cozze

Corso Sempione, 41
20100 Milano

Tel. 0332 77.10.05
www.anemaecozze.com

Annunci

2 thoughts on “Discretamente @ Anema e Cozze – Milano

  1. Diego

    Carissimo, leggo sempre con molta attenzione i tuoi commenti perchè effettivamente devo ammettere che la tua competenza in fatto di cucina è effettivamente notevole. Devo, però riprenderti per quanto riguarda la recensione relativa a questa pizza ed in generale alla pizzerie di cui parli. Non nego che l’oggetto che hai provato possa assomigliare esteticamente ad una pizza ma tale somiglianza è davvero lontana rispetto ai riferimenti storici che ho in testa. La vera pizza Napoletana è innanzitutto più grande, deve strabordare dal piatto abbondantemente, deve essere per nulla gommosa e la croccantezza è una caratteristica che è tipica delle focacce che girano in Padania ma non ha niente a che vedere con la pizza. Tipicamente alla base di questa pizza ci dovrebbe essere un pizzaiolo di scuola Napoletana ( a Napoli ci sono due scuole fondamentali: la scuola dei Tribunali e quella di Port’Alba), un forno fatto da Maestri Napoletani che garantisce una temperatura non inferiore ai 400°, pelati di Sammarzano non concentrati, il fiordilatte di Agerola ( a dispetto di quel che si crede che la pizza e la mozzarella di Bufala siano elementi indivisibili) olio di semi mai di oliva(PRIMA DI METTERLA IN FORNO), sale rigorosamente marino, basilico in abbondanza,.A Napoli ti consiglierei L’Antica Pizzeria da Michele http://damichele.net/, l’antica pizzeria da Sorbillo di Gino Sorbillo http://www.sorbillo.eu/ o http://www.accademiadellapizza.it/. Poi un po’ ovunque non è male a Napoli. A Milano credo che le uniche pizze decenti siano Solo Pizza in Viale Umbria e Rosso Pomodoro in viale Sarca ma solo se ti fai riconoscere da Laura, prosperosa e bella direttrice Napoletana. Magari vai a nome mio. Poi rifai la recensione. Ciao.

    • Buauro

      Carolei ;-),

      in effetti sulla pizza non mi ritengo un guru, ma, come hai sottolineato, a Milano la situazione è piuttosto sconsolante. Esistono comunque varie scuole di pensiero ma mi riprometto sicuramente di andare in uno di quelli che mi hai indicato per fare un confonto. Tanto i risultati li vedrai on-line :-).

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...