Segni di stanchezza @ Trippi Grumello – Montagna in Valtellina (SO)


A partire dal mese di Ottobre 2013 il ristorante Trippi Grumello ha cambiato gestione. Il locale si chiama ora semplicemente “Trippi” e il nuovo numero di telefono è 0342 61.55.84. Doveroso sottolineare che il post che segue si riferisce alla vecchia gestione… Il racconto aggiornato a Febbraio 2017 lo trovate QUA.

Leggendo qua e là, su guide e su blog, non è raro trovare l’aggettivo “stanco” nelle recensioni di qualche ristorante. Questo concetto di affaticamento associato alla cucina mi è sempre risultato estraneo, prediligendo riscontri più oggettivi sulle preparazioni dei piatti.

Dopo le ultime visite in questo storicissimo ristorante alla periferia di Sondrio devo però dire che il termine “cucina stanca” calza a pennello. Non sono certo carenti le attenzioni verso il cliente, ma è piuttosto l’infelice combinazione di una cucina che non riesce a rinnovarsi con un ambiente ormai più datato che storico.

E’ una sindrome che colpisce quei ristoranti con diversi chilometri sulle spalle che, memori dei fasti della cucina di un tempo, si ritrovano in quel limbo “senza infamia e senza lode”. Si ottiene quindi un risultato più che accettabile, penalizzato in alcuni casi da segni di trascuratezza e/o scarsa attenzione alle preparazioni.

Quest’idea non nasce certo dagli antipasti: gli inizi classici infatti non deludono, partendo dal pane, presentato nelle varie tipologie locali, fra cui gli immancabili ciambelloni di segale, e abbinato ad un buon burro aromatizzato al timo.
Le selezioni di salumi denotano buona competenza nella scelta, così come il chisciol alla tiranese fa trasparire un attaccamento alle tradizioni anche meno conosciute.

Le pappardelle con ragù di coniglio e porri strappano persino qualche fremito godurioso, ma il lento declino si comincia a palesare con dei cannelloni ripieni di taroz abbastanza slegati e piuttosto “stoppacciosi”.

Discesa che prosegue inesorabilmente nei secondi: il vero tallone d’Achille delle ultime visite. Grande attesa era stata riposta nel petto d’anatra con purea di mele che si rivela dozzinale nell’assemblaggio, nell’accostamento dei sapori e persino nella scelta del taglio di carne. Nemmeno un classico del locale, come la sella di coniglio disossata e farcita dorata al burro, risolleva la situazione, in quanto caratterizzato da un’asciuttezza delle carni troppo marcata.
Meglio -ma non troppo- il filetto ai funghi porcini: buona la materia prima alla base, ma un po’ mortificata dalla cottura

Interessante la selezione di sorbetti che si mantengono poco convenzionali, con gusti quali uva e fichi. Gradevole anhce la pasticceria secca sul finale ad accompagnare il caffè.

Il Trippi Grumello offre una carta molto ampia, con oltre 50 proposte, affiancate da svariate scelte extra-menù. La quantità delle portate presentate non trova tuttavia equa proporzione nella qualità delle stesse: forse una riduzione della minuta delle vivande consentirebbe una maggior attenzione alle preparazioni, che riescono in qualche caso a convincere, ma risultano in generale piuttosto trascurabili.

Servizio molto cortese e prezzo entro gli standard valtellinesi.

Altre foto

Prezzi (Dicembre 2010)
Coperto: 2€
Antipasti: 8-14€
Primi: 9-11€
Secondi: 14-18€
Contorni: 5€
Dessert: 9€

Indice di gradimento

Trippi Grumello
Via Stelvio, 297
23020 Montagna in Valtellina (SO)
Tel. 0342 21.24.47

Chiuso la Domenica

Annunci

2 thoughts on “Segni di stanchezza @ Trippi Grumello – Montagna in Valtellina (SO)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...