La tradition dans la vallée (Parte 2) @ La Famille – Brissogne (AO)


Beh, dopo la cena a La Clusaz mi è sembrato alquanto strano sentirmi dire che i piatti erano “poco territoriali”. Probabilmente l’idea diffusa è che la cucina Valdaostana sia prevalentemente a base di fonduta e bourguignonne, o forse sarà stata l’eleganza della sala a sradicare quell’idea di “cucina locale” che io invece ho trovato mirabilmente declinata.

L’occasione della riprova tuttavia non tarda piu’ di 24 ore quando, seguendo i consigli di un abituè del luogo conosciuto in circostanze fortuite, ci imbattiamo nell’agriturismo “La Famille” che ci viene garantito “Valdaostano tipico”, “a prezzo basso” e “uno dei due migliori”. Trattenendo qualsiasi rimostranza, mi rincuoro parzialmente vedendo qualche bollino guidarolo appiccicato alla porta d’ingresso. 😛

La sala è decisamente semplice, così come il tovagliato e l’apparecchiatura, ma nessuno (me compreso) è alla ricerca di posate d’argento e calici di cristallo di boemia. Il menù è fisso, a parte la scelta del dolce fra due disponibili.

Gli antipasti predispongono bene, a partire dagli imprescindibili salumi di produzione propria, e raggiungono buoni livelli con il carpaccio con gherigli e olio di noci. L’olio di noci è assolutamente tipico della zona, data la scarsità di uliveti nei paraggi, caratterizzato da aromi decisamente più delicati rispetto ad un olio d’oliva.
Tutto bene anche nel formaggio con salsa al prezzemolo o nel semplice e correttamente eseguito vitello tonnato.

Proprio quando mi sto convincendo che in fondo anche i consigli di un pinco pallino qualsiasi possono portare anche a risultati interessantemente inaspettati ecco arrivare il risotto alla crema di porri che mi riporta bruscamente alla realtà: oltre ad essere alquanto de-territorializzato, ha tutti i difetti che si possono trovare in un risotto: scarsa qualità del riso, palesemente avanti di cottura, sciapo, e via dicendo…
Il proseguio con le crespelle al prosciutto crudo riporta il livello sulla decenza, ma di locale anche qua si vede ben poco.

Salutiamo definitivamente la Valle d’Aosta con l’arrosto con patate e spinaci, di fattura accettabile ma servito troppo freddo.

Sul versante dolci è interessante la panna cotta ai frutti di bosco valorizzata dalla freschezza della materia prima e piacevolmente “lattosa”. Abbondantemente trascurabile lo pseudo-creativo tiramisù alle mele, che si rivela essere una zuppa di pavesini e mele annegati nel mascarpone.

Carta dei vini mono-produttore dove tuttavia pescare qualche bottiglia dignitosa. Buona partenza sugli antipasti, ma la cucina si perde decisamente per strada. Più attenzione alla valorizzazione degli ingredienti, unita a qualche spiegazione in più potrebbero migliorare il tutto.

Conto irrisorio e soddisfazione solo di poco superiore.

2 spunti di riflessione:
– Hanno reso di piu’ i 35€ della Clusaz o i 20€ spesi qui?
– Meglio i consigli di una tanto vituperata guida dei ristoranti o del primo che passa?

Ai posteri l’ardua sentenza 🙂

Altre Foto

Prezzi (Maggio 2010)
Menù fisso a 20€ circa.

Indice di gradimento

La Famille
località Les Illes, 151
11020 Brissogne (AO)
Tel. 0165 76.20.82

Annunci

One thought on “La tradition dans la vallée (Parte 2) @ La Famille – Brissogne (AO)

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...