Quello che le guide non dicono @ Il Poggio – Poggiridenti (SO)


Ravioli di patate al timo e bitto

Ogni tanto il passaparola degli autoctoni puo’ fare scoprire posti interessanti che, per i motivi piu’ disparati e inspiegabili, vengono ignorati da tutte le guide di settore. Il che mi porta a due considerazioni:

1) Considero ancora le guide un valido punto di partenza, specialmente se ci si muove in luoghi sconosciuti… anche se ormai un tempo di aggiornamento annuale è veramente troppo lento rispetto ai frenetici ritmi del UEB.

2) Meglio non seguire pedissequamente i consigli di chiccessia prima di avere prova di un minimo di competenza ;-), quantomeno per non correre il rischio di finire nelle mani di cugini e parenti vari che si sono improvvisati ristoratori. Continue reading “Quello che le guide non dicono @ Il Poggio – Poggiridenti (SO)”

Annunci

Qualcosa mi perplime… @ Osteria del Pomiroeu – Seregno (MB)


Una nuova stella (michelin) splende in Brianza: è l’Osteria del Pomiroeu (termine in vernacolo milanese che significa “meleto” uso a cui era anticamente adibita la borgata in cui oggi sorge il ristorante), un grazioso locale ubicato in una corte nel pieno centro di Seregno (MB).

Pensando alla brianza gastronomica l’immagine che mi si forma nella mente è quella di diversi di ristoranti di fascia alta, tendenzialmente sopravvalutati ad uso e consumo dei “cumenda” della zona con la “fabbrichetta”.
E’ inoltre risaputo che le tradizione brianzole vivono un po’ di riflesso di quelle milanesi: il menù dello chef Giancarlo Morelli tuttavia si distacca dallo standard classico (con la sola eccezione della cotoletta alla milanese, sempre presente in carta) mantendosi su una ponderata creatività.

Il sospetto che mi è venuto nel progress della cena è che gli slanci creativi siano solo una facciata per poi proporre dei gusti rassicuranti per fidelizzare una certa tipologia di clientela, salvo in parte ricredermi verso il finale… ma andiamo con ordine: Continue reading “Qualcosa mi perplime… @ Osteria del Pomiroeu – Seregno (MB)”

I migliori spaghetti ai ricci (fino ad ora) @ Bacco – Bari


Spaghetti ai ricci di mare

Se ci fosse una vecchia scuola della ristorazione pugliese probabilmente Franco Ricatti sarebbe il preside: da almeno due decenni sulla scena, prima a Barletta, passando poi per una parentesi statunitense, ha infine aperto questo accogliente locale a pochi passi dalla affollata nightlife barese.

Attivo dal 2008, Bacco è il locale che mancava in una città piuttosto avara di proposte qualitativamente valide.
Ambiente di tono con fiori freschi a profusione persino nei bagni, apparecchiatura e tovagliato minimal-opulento, con il patron che si aggira fra i tavoli proponendo con il fare di un diavolo tentatore le proposte fuori menu. Continue reading “I migliori spaghetti ai ricci (fino ad ora) @ Bacco – Bari”

Divertimento & Food-Design @ Combal.0 – Rivoli (TO)


Capasanta alla Thailandese

Questa cena risale ormai a piu’ di due mesi fa, ma credo sia stata talmente memorabile da meritare un post a posteriori :-), considerando anche che il giornale statunitense “Food & Wine” ha recentemente citato il Combal.0 (si pronuncia all’italiana senza derive anglofone: combàl punto zero) fra i “Top 10 Life Changing Restaurants”… ossia i 10 ristoranti dove “mangiare ti cambia la vita”.
Il sito ufficiale del ristorante, per quanto scarsamente aggiornato, offre gentilmente una serie di immagini dei piatti che integrero’ con qualche scatto fatto in serata.

La sala si palesa in una luuuunga struttura in ferro e vetro, che sembra atterrata di fianco al castello di Rivoli… già prima di iniziare si capisce che si è finiti in un posto fuori dal comume :-). Tavoli molto ampi e un bel panorama a conciliare l’appetito.

Per il goloso-curioso la scelta non puo’ che ricadere sul menu’ “.Zero”: 13 portate di creatività allo stato puro, senza limitazioni territoriali, con tanta voglia di non prendersi troppo sul serio e di mettere alla prova il palato. In carta a 160€ con annesso barattolo di pomodori omaggio… comodissimo da utilizzare come porta-penne una volta svuotato del contenuto ;-). Continue reading “Divertimento & Food-Design @ Combal.0 – Rivoli (TO)”

Nonsolopizza… davvero? @ Compagnia delle Cozze – Gallarate (VA)


É da ormai un decennio che la Compagnia delle Cozze è sbarcata a Gallarate, e la fama sulla qualità della pizza è stata quasi immediata… d’altronde il cartello dell’associazione “Verace Pizza Napoletana” che fa bella mostra di sè di fianco all’ingresso fa ben presagire.

Il locale di sicuro vuole darsi un certo tono con un design rusticomodernomaelegante: pavimento e soffitto in legno, mattoni a vista e bronzei tubi di areazione in evidenza sul soffitto. Anche l’apparecchiatura per quanto cartacea cerca di dare l’impressione (riuscendoci) di una certa eleganza. Continue reading “Nonsolopizza… davvero? @ Compagnia delle Cozze – Gallarate (VA)”

Per molti… ma non per tutti @ Piazza Duomo – Alba (CN)


Merluzzo

NB: Esiste un post più recente (giugno 2015) su questo ristorante che potete trovare cliccando qui

Come si può definire “minimalista” la cucina di Enrico Crippa? Anche la parola “Zen” viene usata un po’ a sproposito. Eppure quando si parla dello chef del ristorante Piazza Duomo di Alba questi due aggettivi vengono sempre tirati fuori. Di “minimal” ho visto ben poco considerando la complessità di preparazione e presentazione dei piatti… e l’unico collegamento che ho trovato con il buddhismo zen è stata qualche erba e la salsa di soia che ne condividono l’origine.

Se dovessi riassumere tutto in un aggettivo direi “evocativa”, ma di sicuro non è una cucina di facile approccio… però la classe si sente eccome: difficile trovare una tale precisione nelle cotture e una simile tecnica nell’assemblaggio dei piatti. Il tutto volto all’esaltazione della materia ma con la volontà di spiazzare il palato con accostamenti arditi. Cucina di estrema creatività, molto “fusion” ma avulsa dalle mode ispaniche di alterazione della consistenze. Il filo conduttore diventa piuttosto l’utilizzo sapiente di una valanga di erbe, erbette, semi, foglie, petali e chi piu’ ne ha… Potrebbe essere questo il nuovo trend della creatività?. Continue reading “Per molti… ma non per tutti @ Piazza Duomo – Alba (CN)”

Ricci in Italia e nel mondo


Il gruppo FEISBUC ha ormai sfondato la soglia dei 5000 iscritti: ci sono quindi almeno 5000 persone che sanno che la parte prelibata del riccio di mare sono le uova, o per meglio dire le gonadi. E le stesse persone sapranno altresì che il soggetto nella foto di apertura non è un riccio di mare 🙂

La specie comunemente destinata ad uso alimentare nelle regioni del mar mediterraneo è il Paracentrotus lividus, volgarmente conosciuto come riccio femmina, in contrapposizione al “fratello” non commestibile Arbacia lixula altrimenti noto come riccio maschio.

Va da sè che essendo organismi ermafroditi la distinzione in maschio e femmina è del tutto errata: le gonadi sono in grado di produrre sia uova sia spermatozoi, anche se la fecondazione avviene in acqua da cellule appartenenti a differenti individui. Continue reading “Ricci in Italia e nel mondo”